LorisWave sotto l'albero
Sfrutta al meglio i software per semplificarti la vita

Viaggiare leggeri

Sulla strada come nella vita evitate pesi inutili

Pubblicato in LorisBrain
GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

La vita è un lungo viaggio, e come ogni viaggio sulla strada della vita ci portiamo dei bagagli: ricordi, emozioni, oggetti, relazioni, debiti e crediti.

Essere leggeri, essere liberi.

C'è a chi piace viaggiare con tutto il necessario, c'è chi si porta dietro grandi valige convinto che queste le porta la macchina e perciò non hanno un grosso peso, purtroppo non è vero.

Quando avevo più o meno 15 anni mio padre mi ha portato a fare una vacanza a piedi, solo noi e i nostri zaini. In quello zaino ci doveva stare tutto il necessario: tenda, vestiti, necessario per lavarmi e per mangiare.

Ero troppo giovane per ricordarmi se preparando lo zaino ci fosse il timore di lasciare qualcosa a casa, non ricordo la paura per quello che lasciavo, ricordo però la sensazione di libertà che mi ha accompagnato lungo tutto il viaggio.
Non ricordo tutti i posti e le persone che ho incontrato, ma il senso della libertà che provavo è ancora con me.

Come è la vita se la si affronta leggeri, senza bagagli inutili e solo lo stretto necessario?

Liberarsi degli oggetti inutili che ci circondano non serve solo ad alleggerirci ma a liberarci, ridurre le proprie necessità ci rende liberi.

Viaggiare leggeri significa non dovere avere una macchina grossa per portare bagagli inutili, significa spendere meno di benzina per alimentare quella macchina, significa non dover sollevare quel macigno di borsa per spostarlo dalla macchina alla casa e significa non avere la necessità di passare ore del proprio tempo nel fare e nel disfare i bagagli.

Viaggiare leggeri significa non doversi preoccupare di cose che non abbiamo.

Dobbiamo imparare dai nostri viaggi.
Quanti di noi tornano indietro da una vacanza e si rendono conto di aver portato con se troppa roba, quante volte si rimettono a posto gli abiti senza averli indossati.
Quante volte veramente ci è servito quell'oggetto che "lo porto dietro che non si sa mai".

Conclusione

Impariamo dai nostri viaggi, alleggeriamo la nostra vita e la nostra anima. Sarà più bello affrontare la strada e l'esistenza.

Ti piace questo post? Pagalo!

Un condivisione è la moneta migliore con cui ripagare chi scrive. Se ti è piaciuto quello che hai letto o se lo hai trovato utile condividilo con i tuoi amici.

GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

L'articolo precedente: "Il possesso è morto: ma qualcuno la macchina la deve avere."
L'articolo successivo: "La tua realtà distorta"

Aggiungi un commento

Notifica