LorisWave sotto l'albero
Sfrutta al meglio i software per semplificarti la vita

Possibili usi di Evernote: liste ed elenchi - 2° parte

Realizzare in Evernote liste di controllo e liste virtuali

Pubblicato in Evernote
GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

L'uso più semplice che si può fare di Evernote, oltre a scrivere brevi appunti, è creare "semplici" liste, ma come avavmo visto nell'articolo precedente dietro alla semplicità di realizzazione e di implementazione c'è comunque una discreta flessibilità e potenza.

Basandoci sulle esigenze e gli scopi che un utente si prefigge e sulle funzioni di Evernote avevamo diviso le liste in 3 tipi principali:

Avevamo esplorato le liste semplici nell'articolo precedente, in questo ci occuperemo di liste di controllo e liste dinamiche.

Liste di controllo

Una lista di controllo introduce un semplice concetto; tutti gli elementi della lista devono cambiare di stato.
Se è una lista della spesa sono oggetti che devono essere comprati, se fossero azioni devono essere fatte, ecc.
In Evernote si realizzano o come semplici liste o aggiungendo le caselle di controllo.

Una lista di controllo realizzata utilizzando una lista semplice in cui vengono cancellati i vari elementi ogni volta che cambiano di stato rispetto ad una lista con le caselle di controllo ha un vantaggio e tre svantaggi. Il vantaggio consiste nel fatto che una volta cancellata una voce questa non potrà introdurre distrazioni, i difetti consistono nella difficoltà di cancellare una riga, nel non tenere traccia degli elementi che hanno cambiato stato e nel non poter riutilizzare quella lista in quanto alla fine sarà vuota. Anche in questo caso la scelta del metodo dipende dall'uso a cui la lista è dedicata.
Una lista della spesa, di cui si usufruisce solitamente con il telefono, ha un numero ridotto di elementi che non sono perciò una grossa distrazione, in compenso è molto più comodo mettere un segno di spunta che cancellare una riga.

Tornando alla lista di film da vedere potrei voler tenere traccia dei film che ho visto, in questo caso una lista con le caselle di controllo mi permette di appuntare i film che vorrei vedere e quelli che ho visto.

Liste dinamiche o virtuali

Le liste dinamiche non sono realizzate tramite una nota, ma vengono realizzate aggregando più note tramite tag.

Questo metodo permette di avere lo stesso elemento (nota) in più liste senza doverlo necessariamente riscrivere, si realizza creando per ogni elemento della lista una nota, dopo di che creare un tag che rappresenta il motivo di aggregazione ed infine aggiungere il tag al tutte quelle note che devono essere presenti nella lista.
Questo metodo ha una serie di vantaggi:

  • Vengono riutilizzate le stesse note per la creazione di diverse liste
  • È possibile prima creare un elemento ed in un secondo momento aggiungerlo o toglierlo dalle liste aggiungendo o togliendo tag.
  • Qualsiasi nota può diventare un elemento di una lista

Ed alcuni svantaggi

  • Non è semplice creare un ordine arbitrario degli elementi
  • Non si possono creare sottolivelli all'interno della lista
  • L'utilizzo delle caselle di controllo è limitato(1)

L'uso delle liste dinamiche è particolarmente indicato per situazioni complesse, sistemi di organizzazione e archivi mediamente strutturati.

Tornando alla lista dei film si potrebbe creare una nota per ogni film, magari catturando una pagina web da un sito di cinematografia (imdb, filmTV), dopo di che mettere il tag "movie" ad ogni nota, il tag "dvd" o "br" a seconda del supporto su cui abbiamo quel film, il tag "visto" sulle note dei film che abbiamo visto ecc.. In questo modo potremmo vedere tutti i film che abbiamo salvato, tutti i film che possediamo, tutti i film che sono su DVD o quelli che sono su Blu Ray, tutti i film che ho visto, ecc..

Conclusione

L'uso più semplice che si può fare di Evernote, oltre a scrivere brevi appunti, è creare "semplici" liste; ma come abbiamo visto ci sono usi ed esigenze diverse che con Evernote e un po' di ingegno possiamo soddisfare trovando la soluzione ideale. Le liste dinamiche sono inoltre alla base di molti sistemi di organizzazione ed archiviazione, capirne la natura permette di sfruttare al massimo il sistema.

Come utilizzate le liste e quali trucchi potete suggerire per utilizzarle al meglio?

(1) Con l'introduzione della funzionalità "promemoria" sono state introdotte anche una serie di funzioni tra cui quella che permette di avere una lista dinamica con caselle di controllo, bisogna valutarne attentamente l'uso perché significa usare i promemoria e perciò inserire in questi ultimi molte note che non hanno ragione di avere un promemoria.
Torna su

Ti piace questo post? Pagalo!

Un condivisione è la moneta migliore con cui ripagare chi scrive. Se ti è piaciuto quello che hai letto o se lo hai trovato utile condividilo con i tuoi amici.

GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

Altri articoli

Potrebbero anche interessarti i seguenti articoli:

L'articolo precedente: "Possibili usi di Evernote: liste ed elenchi - 1° parte"
L'articolo successivo: "Possibili usi di Evernote: Leggere"

due commenti

Serena

Ciao Andrea,
negli ultimi mesi mi sono messa a studiare approfonditamente diversi metodi di Time Management, per non collassare sotto il peso della mia doppia vita di mamma e professionista. Volevo dirti che mi sto divorando i tuoi articoli su Evernote e li trovo tra i migliori in giro sul Web.
Con Evernote resta a mio parere GRAVEMENTE irrisolto il problema del calendario; non riesco davvero a capire perché i creatori non ci si mettano a lavorare su seriamente. Nel frattempo, oltre ad avere scaricato – dopo avere letto il tuo articolo – TuskTools, che però mi da qualche problema, continuo a sperimentare modi alternativi di ottenere liste di attività giornaliere e reminders.
Tra le altre cose: taggando ogni nota con la data in cui devo lavorarci su, effettuando una ricerca per tag ottengo una lista di attività giornaliere.
Ciao e complimenti per il lavoro che fai qui.

Serena
loriswave

Prima di tutto ti ringrazio per i complimenti, fa sempre piacere riceverli.
In secondo luogo ti rispondo autocitandomi da qui: http://www.loriswave.com/?e=88
“La domanda principale a questo punto è: Ma si sente la mancanza di un calendario in Evernote?
Personalmente la mia risposta è no. “
Non ti so dire perché non ci lavorino, quello che ti posso dire è che non bisogna confondere un calendario con uno “scadenzario”, il primo è un sacro luogo dove appuntare attività che devono essere fatte esattamente quel giorno o a quell’ora, il secondo serve a organizzare tutta quelle attività che non hanno questa scadenza esatta, che devono essere intraprese al più presto, che hanno tempi lunghi di esecuzione ecc.. Le prime, nel mio caso una minoranza, si possono organizzare in un calendario, elettronico o cartaceo a seconda delle preferenze (io uso Google calendar), le seconde possono essere gestite in Evernote tramite tag o taccuini.
Quello che stai facendo con i tag che indicano le date è corretto, io non sono così preciso da indicare il giorno esatto ma comunque il principio che adotto è lo stesso.
Mettere entrambi gli strumenti sotto lo stesso tetto potrebbe essere un vantaggio ma potrebbe anche avere una serie di controindicazioni da non sottovalutare.

loriswave

Aggiungi un commento

Notifica