LorisWave sotto l'albero
Sfrutta al meglio i software per semplificarti la vita

Google keep, prime impressioni

Una veloce recensione del nuovo prodotto di Google

Pubblicato in News , Strumenti
GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

Google keep è l'ultimo prodotto, in ordine di tempo, offerto da Google. Molti siti web lo hanno presentato come l'antagonista di Evernote, nulla poteva essere così lontano dalla realtà. Google keep è un buon prodotto, ma ha un target molto diverso da quello di Evernote, vediamone il perché.

Keep sembra nato per salvare piccole note in formato testo o formato lista, alle note possono essere aggiunti audio (ma solo se presente una connessione dati) e foto. Le note possono essere contrassegnate da un colore tra otto a scelta ma non possono essere divise o raggruppate.

Le note possono essere archiviate per toglierle dalla pagina principale e possono essere ordinate manualmente tramite trascinamento.
Nelle note in formato lista di controllo le singole voci possono essere ordinate tramite trascinamento, cancellate velocemente e barrate.

Come già indicato non si possono dividere le note in gruppi o cartelle, non si può formattare il testo, non si possono creare allarmi o legare le note a qualche scadenza.

Google keep è attualmente presente come applicazione su i sistemi Android e tramite web come estensione di Google Drive.

L'uso è facile ed immediato e le note sono salvate oltre che sul cloud anche sulla device dove si ha installato l'applicativo, questo permette modifica, aggiunta, eliminazione e archiviazione anche in modalità offline.

Google Keep è un prodotto semplice e veloce, anche perché, a dire la verità, fa ben poco.
Non può essere minimamente paragonato a software di note come Springlad o Evernote che, oltre ad aver molti più strumenti e molte più funzioni, sono pensati per un uso ed un target molto diverso. Keep potrebbe però essere un valido sostituito per molti software di note basici per Android che non hanno una funzione di backup e di sincronizzazione tramite cloud.

Conclusione

Ho installato Keel per provarlo ma difficilmente lo utilizzerò, Evernote è molto più completo e vicino alle mie esigenze. Inoltre non credo abbia senso usare due tool diversi per prendere note a meno di non voler ricadere nella fantomatica domanda: dove l'ho messo? Chi pensa di utilizzare keep? Secondo voi ci potrebbe essere un motivo per affiancarlo ad un software di note avanzato?

Ti piace questo post? Pagalo!

Un condivisione è la moneta migliore con cui ripagare chi scrive. Se ti è piaciuto quello che hai letto o se lo hai trovato utile condividilo con i tuoi amici.

GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

Altri articoli

Potrebbero anche interessarti i seguenti articoli:

L'articolo precedente: "Google News"
L'articolo successivo: "Evernote Android: Creazione note tramite Template con EverTemplate"

Aggiungi un commento

Notifica