LorisWave sotto l'albero
Sfrutta al meglio i software per semplificarti la vita

Evernote: Android e Windows

Differenze operative tra Evernote per Windows e per Android

Pubblicato in Evernote
GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

Negli ultimi giorni sono diventato un felice possessore di un tablet ed è per questo che è aumentato il mio utilizzo della versione Android di Evernote; mi sono trovato così a studiarne il comportamento con un uso più intenso e soprattutto ho dovuto controllare che il mio workflow precedentemente utilizzato su sistema windows fosse compatibile o se fosse necessario un adeguamento al nuovo uso su questa device.

La versione di Android testata è la 4.2 e la versione di Evernote è la 4.3.5.

Con l'applicazione Android ci sono alcuni limiti, vediamo quali:.

  1. Formattazioni non supportate.
  2. Ricerca avanzata disponibile solo con connessione dati attiva.>
  3. Impossibilità di gestire i Tag. (ordinarli, crearli e cancellarli)
  4. Selezione limitata a taccuini o tag, non in contemporanea. 
  5. Selezione multipla delle note assente.
  6. Acesso alle note in mancanza di conessione dati.

Vediamoli nel dettaglio:

Formattazione

Evernote è un ecosistema di applicazioni, che si appoggiano ad una base dati comune, tutte le note risiedono sul server e/o in locale (nel caso delle applicazioni desktop) e sono codificate in un formato XML. Il formato XML accetta molte formattazioni particolari; si possono salvare intere pagine internet mantenendo la loro formattazione originale oppure copiare testo da un qualsiasi word processor senza perderla. L'applicazione per Android supporta queste note in visualizzazione ma non le supporta completamente in modalità di modifica.

La modifica di queste note risulta perciò difficile, anche se, con alcune limitazioni, possibile; Le note possono essere aperte per la modifica ma a questo punto appare un messaggio di allerta che indica la presenza di formattazioni non supportate e la nota potrà essere editata solo all'interno di micro unità che il più delle volte corrispondono ai paragrafi.

formattazionenonsupportata

Si potrà modificare il testo, ma non si può modificare la struttura, non si possono usare caselle di controllo ed elenchi puntati, non si possono editare le tabelle aggiungendo righe o colonne ma solo il testo contenuto.

Basta la presenza di un solo elemento di formattazione non supportato per rendere tutta la nota 'non editabile'. Gli elementi di formattazione realizzabili con il sistema desktop e non supportati nella applicazione Android sono:

  1. Tabelle
  2. Linee di separazione
  3. Rientri
  4. Immagini

Inoltre nell'applicazione Android gli elenchi puntati o numerati soffrono di un problema durante la selezione. Ogni singola riga viene considerata un elemento indipendente che non può essere selezionato insieme ad altro testo o ad altre righe dello stesso elenco.

Tutte le pagine copiate da internet, sia tramite il classico copia incolla, sia con la selezione di una parte di pagina e trascinamento in una nota, sia tramite l'uso del web clipper contengono elementi non conformi. Si può aggirare il problema nella versione desktop di Evernote usando la funzione di "incolla solo testo", pena ovviamente di perdere tutta la formattazione, i link e le immagini.

Per una piena compatibilità tra windows e android ho rinunciato a formattazioni complesse; ho abolito l'uso della linea di separazione, sostituendola dove serve con una serie di spazzi formattati con il sottolineato, ho abolito l'uso dei rientri di testo ed in quei casi dove lo reputo necessario l'ho sostituito con gli elenchi puntati.

Nel caso, al interno di una nota, si renda necessaria una tabella o un immagine la metto da sola in una nota secondaria (insieme a poche righe di descrizione per chiarezza), dopo di che nella nota principale creo un collegamento verso la nota secondaria.

L'essere obbligati a ridurre gli orpelli e mantenere le proprie note al essenziale, dopo un primo momento di disagio, si e rilevato non un vantaggio ma una buona abitudine, non perdo più tempo con operazioni inutili mantenendo l'attenzione sul contenuto e non sulla forma. Nei casi si renda necessario una formattazione più elaborata questo significa che il contenuto non è più soggetto a enormi modifiche, lo posso eseguire una volta che considero la mia nota come un documento concluso, dall'applicativo desktop, magari mantenendo una versione non formattata e collegata tramite link interno alla versione formattata.

Ricerca

la ricerca avanzata su android in mancanza di connessione non funziona completamente, sembra che vengano ignorati i tag e modificatori della ricerca e funzionano solo i notebook in combinazione con la ricerca del testo. Questo significa non poter usare neppure le ricerche salvate che utilizzano tag o modificatori. (Per un approfondimento su cosa sono e come funzionano i modificato potete leggere i miei post sulla ricerca. Qui, qui e qui

Non è un limite enorme visto che si presenta solo in caso non ci sia una connessione dati; nel mio caso, visto che ho optato per un tablet senza 3g e mi devo affidare al solo Wi-fi sono spesso senza connessione ma nonostante questo non ne sento moltissimo la mancanza nelle ricerche. Leggendo sul forum ufficiale di Evernote ho notato che queste limitazioni, se non proprio un bug, sono considerate delle funzioni mancanti e sembra saranno risolte nelle prossime versioni del applicazione. Spero che questo avvenga al più presto.

Un buon sistema di ricerca nel mio caso, utente premium con praticamente tutte le note importanti anche sulla device android, consiste nel usare la ricerca di Google e non quella di Evernote, questa tra le altre cose permette un affinamento durante la ricerca come Evernote su desktop. Bisogna fare a meno dei tag ma ci si guadagna in interattività. 

Impossibile gestire i tag

L'applicazione Android non ha una gestione dei tag, questo significa che i tag non si possono rinominare, cancellare o riorganizzare tramite la nidificazione come è invece possibile nella versione desktop di Evernote.

Per superare questo limite ed anche sulla base di altre motivazioni ho re-analizzato tutti i miei tag e nelle prossime settimane pubblicherò una serie di articoli dedicati ad i tag.

Impossibile combinare la selezione dei notebook e dei tag

Quando si naviga tra le note nella versione desktop capita di selezionare un taccuino e dopo uno o più tag per estrarre dal taccuino stesso tutte le note con quel/quei tag. Questo nella versione android non è possibile, o si seleziona il taccuino o i tag.

Sono sempre stato un sostenitore dei tag a discapito dei taccuini e le motivazioni le potete trovare qui, l'uso dell'applicazione per Android mi ha perciò portato a ridurre ulteriormente l'uso dei notebook limitandoli al minimo indispensabile. Pochissimi taccuini con funzioni specifiche (condivisione, offline, work in progress, ecc.) e di conseguenza poche note al loro interno, tutto il resto gestito con i tag.

Selezione multipla delle note

Non è possibile selezionare più note contemporaneamente per aggiungere tag, spostarle di taccuino o semplicemente cancellarle. Non è presente nessun tipo di selezione multipla e perciò nessun comando legato ad essa. Queste funzioni le uso per riorganizzare e mantenere il sistema, non sono operazioni che si fanno in ogni momento e perciò riesco a demandarle a quei momenti dove posso operare con la versione desktop o web di Evernote.

Acesso alle note in mancanza di conessione dati.

In mancanza di connessione dati gli utenti free di Evernote possono accedere alle sole note che il sistema ha salvato in cache, questo significa tutte quelle note che sono state aperte negli ultimi tempi. La sincronizzazione delle note avviene a livello di titolo e non di testo e contenuto, questo permette di vedere il titolo di tutte le note nei taccuini o legate ai tag, quando una nota viene selezionata per aprirla viene letta dalla device se presente nella cache oppure tramite la rete. Questa limitazione su una device senza connessione dati è molto grande e potrebbe bloccare completamente l'utilizzo, fortunatamente se si è un utente premium questo limite non c'è potendo contare sulle note offline anche in mancanza di connessione.

Modalità di selezione dei tag a 'cascata'

Nell'applicazione Android per tablet è utilizzabile solo la modalità di lavoro "Nascondo i tag non assegnati" che è un opzione nella versione desktop. Nel momento che si seleziona un tag vengono mostrate tutte le note con quel tag e tutti i tag che queste note contengono.

selezionetag01

In questo modo è possibile selezionare un un ulteriore tag per affinare la selezione, dopo di che vengono mostrate solo le note che hanno i due tag e i tag a cui le note rimanenti sono collegate.

selezionetag02

si può andare avanti fino a che non sono finiti i tag o si rimane con una sola nota.

La lista dei tag rimanenti nell'applicazione Android è in ordine alfabetico e non strutturata al contrario dell'applicazione windows, si perdono perciò le nidificazioni e tutti i tag sono mostrati in ordine alfabetico.

Conclusione

Nonostante la lista di feature non supportate sembri importante devo dire che non ho trovato grosse difficoltà ad abituarmi ed i vantaggi di una device mobile sempre disponibile sono superiori alle limitazioni.

Per alcune situazioni ho escogitato una serie di strade alternative, in altri casi ho 'semplicemente' rinunciato a quella funzione scoprendo che, in alcuni casi, non solo non mi era necessaria ma anzi, si potrebbe stare anche meglio senza. Alcune limitazioni spero che vengano risolte in futuro, alcune funzioni, ricerca in primis,  spero che vengano migliorate, alcune limitazioni sembrano del software ma in realtà sono legate alla dimensione dello schermo ed al fatto che al contrario di un mouse ed una tastiera si controlla tutto con il dito. L'utilizzo di una nuova device significa anche piegarsi a delle regole nuove e su Android si privilegia l'immediatezza alla  sofisticazione e future molto complesse renderebbe probabilmente lento l'uso.

Infine un appunto, una mancanza che non è imputabile a Evernote ma che mi ha colpito molto è la mancanza, nella tastiera standard di Android (su tastiere di terze parti le ho trovate) di un sistema di frecce per muoversi sul testo. Utilizzando moltissimo il tablet in treno e dovendo subire il suo normale rollio sento la mancanza di uno strumento preciso (il dito sullo schermo non lo è) di selezione del testo per poter cancellare, copiare e incollare parti di questo velocemente.

Ti piace questo post? Pagalo!

Un condivisione è la moneta migliore con cui ripagare chi scrive. Se ti è piaciuto quello che hai letto o se lo hai trovato utile condividilo con i tuoi amici.

GooglePlus icon
LinkedIn icon
MySpace icon
Pinterest icon
whatsapp icon

L'articolo precedente: "Evernote clearly ora legge per voi"
L'articolo successivo: "Evernote: Organizzazione dei tag - 1° parte"

Aggiungi un commento

Notifica